quindi…

Annunci

quindi…

la mia legge elettorale

ho avuto un’idea geniale per la legge elettorale!
proporzionale con indicazione di affinità, presenza parlamentare con sbarramento al 7,5% e presenza rappresentativa con sbarramento al 2%.
mi spiego.

1) prima delle elezioni, in campagna elettorale, ogni partito deve indicare due partiti (forse 3), diversi da sé, con i quali dichiara di avere una affinità politica e/o di valori e/o elettorale.

2) sulla scheda elettorale per ogni partito che si presenta sarà riportato il proprio simbolo ed il prorpio nome con sotto, in corpo minore, i simbolo ed i nomi dei partiti dichiarati affini.

3) i risultati vengono calcolati in modo proporzionale e con lo stesso criterio si distribuiscono i seggi con lo sbarramento del 2%.

4) quindi, e qui viene il bello!, tutti i partiti che hanno ricevuto voti sotto lo sbarramento del 7,5% “cedono” i propri voti al primo partito dichiarato affine.
se il primo partito dichiarato affine non raggiungesse nemmeno in questo modo il 7,5% tutti i voti, suoi ed ereditati, passerebbero al suo primo partito dichiarato affine.
si continua così fino a raggiungere il 7,5% e quando ci si imbatte in un partito dichiarato affine per una seconda volta allora si passa al secondo (forse al terzo) partito dichiarato affine.

5) finita la redistribuzione dei voti secondo questo criterio si forma la camera con tutti gli eletti nominati secondo il punto 3) ma con la seguente particolarità: gli eletti in partiti che hanno superato lo sbarramento del 7,5% nei risultati di cui al punto 3) hanno diritto di voto, gli altri hanno un ruolo consultivo, di controllo e propositivo al pari dei primi ma non hanno diritto di voto.

questa è l’idea.
ora studierò e realizzerò un esempio che poi pubblicherò.

la mia legge elettorale

ho avuto un’idea geniale per la legge elettorale!
proporzionale con indicazione di affinità, presenza parlamentare con sbarramento al 7,5% e presenza rappresentativa con sbarramento al 2%.
mi spiego.

1) prima delle elezioni, in campagna elettorale, ogni partito deve indicare due partiti (forse 3), diversi da sé, con i quali dichiara di avere una affinità politica e/o di valori e/o elettorale.

2) sulla scheda elettorale per ogni partito che si presenta sarà riportato il proprio simbolo ed il prorpio nome con sotto, in corpo minore, i simbolo ed i nomi dei partiti dichiarati affini.

3) i risultati vengono calcolati in modo proporzionale e con lo stesso criterio si distribuiscono i seggi con lo sbarramento del 2%.

4) quindi, e qui viene il bello!, tutti i partiti che hanno ricevuto voti sotto lo sbarramento del 7,5% “cedono” i propri voti al primo partito dichiarato affine.
se il primo partito dichiarato affine non raggiungesse nemmeno in questo modo il 7,5% tutti i voti, suoi ed ereditati, passerebbero al suo primo partito dichiarato affine.
si continua così fino a raggiungere il 7,5% e quando ci si imbatte in un partito dichiarato affine per una seconda volta allora si passa al secondo (forse al terzo) partito dichiarato affine.

5) finita la redistribuzione dei voti secondo questo criterio si forma la camera con tutti gli eletti nominati secondo il punto 3) ma con la seguente particolarità: gli eletti in partiti che hanno superato lo sbarramento del 7,5% nei risultati di cui al punto 3) hanno diritto di voto, gli altri hanno un ruolo consultivo, di controllo e propositivo al pari dei primi ma non hanno diritto di voto.

questa è l’idea.
ora studierò e realizzerò un esempio che poi pubblicherò.

fu “forza luigi”

mi porto dentro un tot di modelli che condizionano la mia esistenza.
per esempio: il bravo ragazzo, la persona gentile, l’importanza di ascoltare e comprendere, il dovere (anzi i doveri), il senso di colpa, il desiderio d’amore, la necessità della accettazione… insomma: un tot di cose che mi si sono alleate, convivono con me e mi costringono a numerosi compromessi.
pensavo: cambio nome e mi ritrovo con le mani libere!
mi pare una buona idea, no?

Pubblicato su riflessioni. 16 Comments »

auto

poi ci sono quelli che lei dice: “cosa c’è stasera alla tv?” e lui “reality, reality, reality…” e lei con tono arrapante, credo, dice: ” beh, ma non siamo mica obbligati a gardare la tv, no?”
stacchetto musicale e voce fuori campo: opel modell xx può darti di più!! blutut, uirless, bidet, ruote motrici e vetri panoramici!…
e loro due, felici, hanno trovato il modo di passare la serata: faranno un giro in macchina!!
geniale.

Pubblicato su riflessioni. 2 Comments »

auto

poi ci sono quelli che lei dice: “cosa c’è stasera alla tv?” e lui “reality, reality, reality…” e lei con tono arrapante, credo, dice: ” beh, ma non siamo mica obbligati a gardare la tv, no?”
stacchetto musicale e voce fuori campo: opel modell xx può darti di più!! blutut, uirless, bidet, ruote motrici e vetri panoramici!…
e loro due, felici, hanno trovato il modo di passare la serata: faranno un giro in macchina!!
geniale.

Pubblicato su riflessioni. 2 Comments »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: