fiori rossi

fiori rossi

Annunci
Pubblicato su pittura. 4 Comments »

blù!

Pubblicato su diario. 5 Comments »

fiori gialli

Pubblicato su pittura. 3 Comments »

fiori gialli

Pubblicato su pittura. 3 Comments »

son cose

le cose ci precedono, le cose ci susseguono.
alcune cose esistono di per sé, i sassi per esempio; altre hanno una origine sconosciuta e comune, il forno per esempio; altre ancora un inventore unico, la biro per esempio.
sembra ci sia un ulivo che ha tremila anni! eppure non è una cosa.
e le piramidi? e il giardino dell’eden, a bassora? dice che c’è un albero pietrificato: un melo. capito?
le cose ci sopravviveranno fino alla fine delle cose.
loro il momentaneo palcoscenico, noi i mometanei attori: è che ci sono diverse durate per diversi momenti ma tutto dura meno di un attimo.
certo fa caldo anche oggi!

Pubblicato su riflessioni. 18 Comments »

sogno nr 4

qualcuno dice che una coppia di… parenti? si è sposata con sfarzo nella chiesa; mia madre ascolta con sguardo teso (è la foto della lapide, ha lo sguardo triste ma fiero che quando gliela scattarono aveva appena pianto e i capelli acconciati in su, in un modo che non saprei definire).
dice che quei due si sono sposati così per superare nella memoria il matrimonio di hena, l’amica d’infanzia di mia madre.
e perché? dice lei.
perché, spiego, la chiesa è appena stata ristrutturata e questo è il primo matrimonio e così sfarzoso sarà ricordato come il primo nella chiesa nuova.
lei ascolta perplessa e con disappunto.
vedo una specie di zanzara, ma più grande, più alta, che le sta sulla spalla sinistra, proprio sopra la clavicola, forse la punge, sugge e poi forma una goccia, come una lacrima, che si appende al… becco ed esita non poco prima di ricaderle sulla spalla.
allarmato dico: ma cos’è…
mia sorella dice che sono i pappagallini peruviani!
ma come i pappagallini!? lo scaccio e mentre le prendo la mano penso a come distruggere sti pappagallini: con un veleno… ma se poi non muoiono subito e la pungono ancora possono avvelenare anche lei… penso a come fare.
sollevo la sua mano e la porto verso di me e così vedo che sul braccio e su fino al collo ha una fila di ferite rotonde, dei forellini rossi e sanguinanti; nel primo tratto, da sopra al gomito, sono allineati in tre file sfalsate e poi dalla spalla verso il collo si allargano a macchia, numerosi.
lei sembra non accorgersi né delle ferite né di me, ha sempre lo sguardo attonito, sembra in trance; sono preoccupato seriamente e non capisco.

Pubblicato su sogni. 2 Comments »

per dire

fa un caldo boia!
ancora qualche mattone, poi la boiaccatura del pavimento poi pausa.
fra qualche mese ricomincerò e ci metterò un tetto e poi sarà un gazebo coi fiocchi.
naturalmente non sarà mai finito del tutto, nè quello nè alcuna delle mie cose.
certe volte penso che faccio così per non poter morire.
certe volte perchè così mi isolo, sto da solo, coi mattoni le flex l’acqua… sotto questo sole! e penso, penso, penso… ma che te pensi!?!

Pubblicato su diario, varie. 2 Comments »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: